Lega Salvini Premier
Lega - Salvini Premier Ceglie Messapica

Convertino, Santoro e Locorotondo chiedono, in virtù della riapertura degli studi professionali, che siano riprese in considerazione le pratiche edilizie

Riceviamo e pubblichiamo ub comunicato stampa di Lega Salvini Premier- Ceglie Messapica, a firma di Domenico Convertino, Pasquale Santoro e FrancescoLocorotondo.

Nel testo che accompagna la richiesta al Commissario Cicoria e al Segretario Generale Maggiore si legge:

L’emergenza covid-19 ha messo in ginocchio la maggior parte delle attività in Italia e preoccupati per le sorti della nostra Ceglie, che ha come volano per la propria economia l’edilizia e la gastronomia, questa mattina abbiamo inviato una pec urgente al commissario prefettizio ed al segretario generale del Comune affinchè si attivino immediatamente per risolvere lo stallo inspiegabile legato a tutte le pratiche edilizie ferme addirittura ai primi giorni di gennaio. Chiediamo con tutte le nostre forze un intervento forte ed immediato anche in virtù del fatto che a partire dalla data odierna tutti gli studi professionali ritorneranno ad essere operativi.

Di seguito il testo della Pec inviata al Commissario dott.ssa Cicoria ed al segretario generale dott. Vito Antonio Maggiore

OGGETTO: RICHIESTA DI VERIFICA E CONTROLLO DELLA GESTIONE DELL’UFFICIO TECNICO COMUNALE- SETTORE URBANISTICA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO
“Premesso che:
• con Decreto del Commissario Straordinario n. 4 del 10.02.2020 veniva conferita nomina di Istruttore Direttivo Tecnico, cat. D a tempo pieno e determinato ex art. 110 comma 1 del T.U.E.L. ed attribuzione delle funzioni dirigenziali in qualità di Responsabile della VI Area Pianificazione del Territorio, all’arch. Sergio Ludovico, a seguito dell’espletamento di procedura concorsuale;
constatato che:
• dalla consultazione dell’Albo Pretorio on-line risulta che l’ultima pubblicazione dell’elenco dell’Attività Edilizia nel nostro comune risale al Gennaio 2020, tra l’altro a cura dell’allora titolare di Posizione Organizzativa pro-tempore, ing. Francesco Bonfrate;
• nell’Ufficio Tecnico SETTORE URBANISTICA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO sussiste ormai da diversi mesi una situazione di stallo perdurante e tendente ad un progressivo peggioramento: a pratiche edilizie presentate dai tecnici anche diversi mesi orsono, alle quali, ad oggi, non viene ancora dato alcun riscontro (in alcuni casi, addirittura, ci è stato riferito di pratiche presentate dai tecnici in autunno e ad oggi nemmeno istruite!) si aggiungono quotidianamente ulteriori pratiche in presentazione che non potranno aver alcun esito per chissà quanto tempo;
• l’emergenza sanitaria che oggi viviamo non può costituir scusante nè alibi in merito, perchè la situazione si trascina ed è latente ormai da parecchi mesi: anzi, considerato che il ricevimento dell’utenza è ad oggi circoscritto a casi particolari o di estrema urgenza, poteva esser fruttuosamente utilizzato tale periodo per evadere le pratiche in giacenza, ma nulla ad ora sembra esser stato fatto in merito;
considerato che
• a peggiorare le preoccupazioni degli animi già provati da questa emergenza sanitaria di Tecnici, operatori del settore (artigiani e maestranze locali), cittadini si aggiunge anche l’instabilità dell’incertezza lavorativa dell’intero comparto edilizio che, se dovesse protrarsi tale situazione di inerzia degli uffici amministrativi, si avvia ad un blocco totale nell’impossibilità di concretizzare quelle opere edilizie che ad oggi attendono un assenso amministrativo;
• l’edilizia, assieme alla enogastronomia, era volano per l’intera comunità e che diversi investitori forestieri che attendono da mesi risposte alle loro richieste amministrative potrebbero, esausti e scoraggiati, scegliere di dirottare i loro investimenti verso altre realtà amministrativamente più attive, anche in questo momento di crisi sanitaria;
• lo stallo e la giacenza delle pratiche amministrative è danno economico non solo per gli investitori ma anche per i Tecnici (che con la giacenza delle pratiche inevase si vedono privati della corresponsione dei loro onorari) e per gli imprenditori (che non realizzando le opere non vedono incassi). Ma potrebbe, in estrema ratio, diventar danno erariale per l’Ente stesso che ad oggi non incassa oneri ed oblazioni dovute;
• siamo consapevoli che tale situazione è eredità di una mala gestio dell’Amministrazione appena uscita in merito all’organizzazione amministrativa del personale, ma siamo altrettanto preoccupati che, in assenza di un controllo e di una rapida risoluzione, questo problema che ormai è cronico possa diventar sintomo di danno economico all’intera comunità, che al termine di questa emergenza sanitaria avrà necessità di ripartire immediatamente con la produttività, per scongiurare il tracollo economico di decine di nuclei familiari;
CHIEDIAMO
alle Vostre spettabili competenze l’avvio immediato di una verifica amministrativa all’interno degli Uffici della VI Area Urbanistica e Pianificazione del Territorio, volta ad individuare le criticità che ad oggi ne compromettono finanche lo svolgimento dell’attività ordinaria, nonchè l’immediata attivazione Vostra per l’eliminazione delle stesse.
In attesa di un suo cortese riscontro, Vi auguriamo buon lavoro”.

POTRESTI ESSERTI PERSO...