Ceglie M abuso edilizio 1 2
Ceglie M abuso edilizio 1 2
La Ghironda Zucchero e Cannella Ostuni 2018

Un piccolo cantiere edile nelle campagne di Ceglie Messapica è stato sequestrato dai carabinieri forestali della stazione locale, che ha competenze su gran parte dell’area collinare circostante, per illeciti urbanistici. Deferiti alla procura della Repubblica di Brindisi il proprietario dell’immobile e il direttore dei lavori. Si tratta, tecnicamente, di un sequestro preventivo d’ urgenza, attuato dopo un sopralluogo e al’esito della verifica dei titoli autorizzativi.

Il sito del cantiere è in contrada Montevecchio. I carabinieri forestali della stazione di Ceglie Messapica hanno accertato che la realizzazione di un piazzale, l’ampliamento di due vani del fabbricato, e la demolizione del cono di un trullo erano interventi del tutto abusivi poiché non previsti nei lavori indicati con la segnalazione certificata di inizio attività (la Scia).

Tra l’ altro, sottolineano i carabinieri forestali, la zona è anche sottoposta a vincoli paesaggistici, ma le opere in corso, proprio perchè non conformi, erano sprovviste della prescritta autorizzazione. Non da ultimo, tutti gli scarti di cantiere, dai pezzi di legno, al vetro, all’alluminio,al polistirolo, ai sacchi vuoti per cemento, le plastiche e residui di potature, non venivano smaltiti secondo le norme prescritte, bensì venivano bruciati.

Contestualmente al sequestro preventivano, i carabinieri forestali hanno deferito a piede libero R.S. di 32 anni, committente dei lavori e titolare degli immobili, e e G.D.S. di 28 anni, direttore del cantiere, entrambi di Ceglie Messapica. I reati ipotizzati a loro carico sono quelli di attività edilizia abusiva in area vincolata nonché di combustione illecita di rifiuti. Sono stati inoltre identificati gli operai al lavoro sul cantiere, per verificare la regolarità della loro posizione lavorativa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

TI RACCOMANDIAMO