Ceglie Messapica. 29enne Deve espiare la pena di 4 anni, 5 mesi di reclusione per lesioni personali gravi  e violenza privata, nei confronti della vittima un  rumeno, picchiato selvaggiamente da cinque connazionali tra i quali l’arrestato. 

I Carabinieri della Stazione di Ceglie Messapica hanno tratto in arresto  in esecuzione  dell’”Ordinanza di Espiazione Pena” emessa  dal Tribunale di Lecce, il cittadino rumeno  M. V. M. 29enne residente in Ceglie Messapica, bracciante agricolo.

L’uomo deve espiare la pena di anni quattro, mesi cinque di reclusione per i reati di violenza privata e lesioni personali. I fatti sono avvenuti nel gennaio del 2012 in Ceglie Messapica, cinque uomini  di nazionalità rumena in concorso tra loro aggredirono due loro connazionali per futili motivi correlati a un piccolo debito.

Nella circostanza i cinque, si scagliarono accanendosi  contro le parti offese con calci e pugni, uno degli assalitori  era armato di noccoliere, un altro di un coltello a serramanico. I cinque cagionarono così a una delle parti offese, lesioni personali gravi  consistite in un  trauma contusivo  all’emivolto destro e all’occhio destro, attingendola con calci pugni e ginocchiate in più parti del corpo e all’altezza del viso, procurandogli l’indebolimento permanente  della vista all’occhio destro.

La vittima venne così ricoverata per trentadue giorni nell’ospedale Perrino di Brindisi, riportando anche l’incapacità di attendere  alle ordinarie occupazioni  per un tempo superiore ai quaranta giorni. Nella circostanza, uno degli arrestati minacciò la parte offesa affinché non formalizzasse nessuna denuncia  ai Carabinieri in relazione all’accaduto, evento che invece venne portato alla cognizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’arrestato a seguito dell’odierno provvedimento, espletate le  formalità di rito  è stato condotto presso la Casa Circondariale di Brindisi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria

POTRESTI ESSERTI PERSO...