amministrative

Tra poco più di venti giorni i cittadini cegliesi saranno chiamati alle urne e dovranno scegliere tra 5 candidati alla carica di Sindaco e tra più di 200 consiglieri.

Di Mariagrazia Bruno

Tra poco più di venti giorni i cegliesi saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo Sindaco della Città e la giunta che dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) guidare la città della gastronomia per i prossimi cinque anni. Essere chiamati al voto è una delle responsabilità più importanti che un cittadino è chiamato a mettere in pratica, perchè da quella che può essere considerata una semplice “croce” dipende il futuro della Comunità nella quale si vive.

Ma vediamo un piccolo sunto di quello che è il panorama elettorale in vista delle prossime amministrative e dove si sono collocati tutti gli ex assessori e consiglieri.

angelo palmisanoIl primo a scendere in campo, per le prossime amministrative, è stato Angelo Palmisano, che si è candidato alla guida della Città come naturale prosieguo dell’amministrazione Caroli, una delle più amate, ma allo stesso tempo contestate, amministrazioni che si siano avute negli ultimi vent’anni. Palmisano si presenta alle prossime elezioni con 5 liste a supporto: 4 liste civiche e la lista di Fratelli d’Italia. Palmisano è appoggiato da quasi tutti gli ex amministratori dell’era Caroli: nella lista Fratelli d’Italia infatti troviamo gli ex Assessori Nicola Ricci e Mariangela Leporale, nella civica “Cittadini del fare” l’ex assessore Antonello Laveneziana, nella civica “Insieme per Ceglie” gli ex consiglieri Santoro Vito e Lacala Domenico, nella civica “Io sto con Palmisano” l’ex consigliere Pierangelo Mita e l’ex assessore Grazia Santoro, Giovanni Argentiero , ex presidente del Consiglio Comunale, invece concorrerà nella lista civica “Noi ci siamo“.  Dell’ex maggioranza mancano Vanessa Santoro, che ha deciso di non ricandidarsi, e Cesare Epifani che non si è candidato ma appoggia la moglie Giusy Resta.

Il secondo a candidarsi come Primo Cittadino è stato Francesco Locorotondo, ex consiglierelocorotondo 1 dell’era Caroli che aveva lasciato il posto “di oppositore” a Domenico Convertino, oggi candidato alla Regione. Locorotondo si presenta alle amministrative del 20-21 settembre con tre liste a suo supporto: “Lega Salvini Puglia” e due civiche “Ceglie civica- Locorotondo sindaco” e “Ceglie Sceglie“. Nella prima ritroviamo Pasquale Santoro, ex consigliere d’opposizione, e in “Ceglie Sceglie” l’ex consigliere prima Forza Italia e poi Democrazia Cegliese Giovanni Gianfreda. Quest’ultimo assieme a Perrino e Antelmi (che hanno scelto, per il momento di ritirarsi dalla vita politica) è stato uno dei principali protagonisti della caduta dell’ex amministrazione.

Giusy Resta è la terza a concorrere alla carica di Sindaco. Per lei un inizio un pò giusy restaturbolento: prima l’annuncio alla carica di sindaco, poi l’ “accasamento” con Carlo Gasparro (che aveva anche lui annunciato e poi ritirato la propria candidatura a Primo Cittadino), salvo poi  iniziare la vera e propria campagna elettorale da sola. La Resta, moglie dell’ex consigliere Cesare Epifani, scende in campo con tre liste civiche: “Ceglie verso il futuro- Giusy Resta Sindaco”, “Giusy Resta Sindaco” e “Noi con Resta” in cui troviamo l’ex consigliere di opposizione del Partito Democratico Rocco Marrazza.

Pietro Piccoli è il quarto candidato alla carica di Sindaco della Città della Gastronomia. L’avvocato si presenta alle prossime elezioni supportato da 2 liste, di cui una civica; pietro piccolioriginariamente a suo sostegno c’era anche la lista civica “Rigenera” esclusa dalla competizione elettorale per la mancanza di una firma a sottoscrizione della propria candidatura di un candidato alla carica di consigliere (la lista di 11 componenti è scesa a 10,numero non consentito per i comuni con più di 15 mila abitanti). A sostegno di Piccoli sono rimasti quindi il Partito Democratico e Obiettivo Ceglie nella quale troviamo l’ex consigliere di opposizione Gianluca Argentiero. Tra le fila del PD tanti volti nuovi ma soprattutto l’assenza di un altro ex consigliere di opposizione Pietro Mita.

isabella vitaleL’ultima a scendere in campo e a presentare la propria candidatura è stata l’avvocatessa Isabella Vitale. Il suo nome era circolato più volte, come trait d’union trasversale di alcune forze politiche, nelle settimane che precedono la scadenza della presentazione delle candidature. Voci che prontamente, poi, erano state smentite per mancanza di accordi. La decisione della candidatura a Primo Cittadino si è poi concretizzata qualche ora prima della scadenza dei termini. L’avvocatessa si presenta alle prossime amministrative con una sola lista a proprio sostegno: Radici d’impegno- per Ceglie Messapica che vede tra le propria fila l’ex consigliere d’opposizione Nicola Trinchera.

Altro grande assente di questa competizione è il consigliere d’opposizione Riccardo Manfredi.

 

TI RACCOMANDIAMO