NPC: terzo stop consecutivo e primato in classifica perso.

Turno infrasettimanale negativo per la compagine messapica che scivola sul proprio parquet e cede il passo a Corato e Monopoli, perdendo di fatto la prima posizione in classifica.

basket 16
basket 16

Di Mariagrazia Bruno.

Giornata da dimenticare quella di ieri per la Nuova Petrolmenga Ceglie che al Palasport 2006 si è arresa ad un mai domo Francavilla Basket. Per l’ormai ex capolista quello di ieri è stato il terzo stop consecutivo, il settimo da inizio stagione,che purtroppo è costato molto caro; a contendersi la prima posizione ci saranno Corato e Monopoli, mentre il Ceglie dovrà assolutamente vincere contro Ruvo, letteralmente strapazzata ieri sul parquet di Ostuni, per accaparrarsi la seconda posizione in classifica.

Ceglie ieri è partita bene con Martignago che è riuscito a conquistare la palla a due e con Ciracì, Pandolfi e Bosnjak che hanno portato al primo allungo sugli ospiti (6-0); il Francavilla prima con Mezzarese e poi con Angelini ha però provato a recuperare. Spetterà a Dusels e Bosnjak, per i cegliesi, il duro compito di seminare i biancoblu avversari che, spinti prima da Menzione e poi da Eletto, hanno chiuso il primo mini tempino con una differenza di soli due punti (17-15). Diciassette sono anche i punti messi a referto dalla compagine di coach Djukic nella seconda frazione di gioco; il quarto si è aperto con Rotundo che con un tiro in sospensione ha riportato i suoi sul +4. E’ ancora una volta Mezzarese, tra le fila avversarie, a spingere i suoi che, grazie ad un canestro di Calò, passano per la prima volta in vantaggio (21-23). Rotundo e Calò danzando da una parte all’altra del parquet sembrano rincorrersi con un susseguirsi di canestri che spingono prima una e poi l’altra compagine in vantaggio. E’ il sangue freddo di Calò ad avere la meglio e a porre il sigillo del nuovo sorpasso del Villa(26-32). Dusels tra i suoi si mette la squadra sulle spalle chiudendo il tempo sul 34-33.

Al ritorno dalla pausa lunga il Ceglie ha tentato un nuovo allungo ma il Francavilla, ben coordinato da coach Vozza, non ha esitato a farsi trovare con il fiato sul collo dei padroni di casa; ad ogni allungo della capolista,un canestro dei bianco blu sbucava dal cilindro a spegnere gli animi cegliesi. Prima Bosnjak, poi Dusels e poi ancora Leo per il 39-41,con tra le fila messa piche un Greco, sempre pronto a rimarginare il distacco. Lillo Leo ha tentato ancora una volta l’allungo per il Francavilla (42-45) ma Pacifico dalla lunetta con due tiri liberi messi a referto ha chiuso il terzo quarto sul 45 pari. L’ultima frazione di gioco ha visto Rotundo dare il via alla prima fuga messapica (50-45) mentre poi è toccato a Dusels sul 54-51 cercare la sicurezza. Ci ha provato Pandolfi, con il piede sull’acceleratore, a spingere il Ceglie in avanti per ben tre volte ma vani sono stati tutti i tentativi del numero 13 gialloblù; un Francavilla mai domo, grazie ad un determinato Musci, ha posto il sigillo al derby che è terminato sul 61-63.

Non è questo il tempo delle recriminazioni, seppur si è arrivati alla terza sconfitta consecutiva. E’ innegabile che nel meccanismo perfetto della ex capolista qualcosa si sia inceppato ma, a partire dalla sfida contro Ruvo, si dovranno cercare nel profondo le motivazioni che hanno fatto sì che si opacizzasse una squadra che aveva mostrato poche sbavature.
E’ fondamentale contro Ruvo, tra due domeniche, non cedere ancora il passo, perché in quel caso la formazione di coach Djukic scivolerebbe inesorabilmente al terzo posto in classifica.

Nuova Petrolmenga Ceglie: Rotundo A. 14, Dusels A. 13, Pandolfi K. 10, Bosnjak B. 9, Greco P. 6, Ciracì M. 4, Pacifico G.3, Martignago L. 2, Curri A. ne, Verardi P. ne, Gentile T. ne. Coach Djukic.
Basket Francavilla: Calò E. 22, Angelini F. 14, Menzione C. (K) 9, Musci E. 5, Mazzarese D. 4, Leo A.4, Eletto A. 3, Iaia A. 2, Di Punzio R., Maggio A. ne, Cannalire M. ne, Mazzarese M. ne. Coach Vozza.

Guarda Anche